Il commento di Leonardo D’Urso alla relazione della Commissione ADR: luci e ombre

Ad una prima lettura, le proposte di modifica al Dlgs 28/10 contenute nella relazione della Commissione Alpa presentano delle luci e delle ombre, con particolare riguardo all’incremento delle procedure di mediazione e alla stabilizzazione del settore. In estrema sintesi, si possono già delineare le luci (prevalenti) e le ombre delle proposte di riforma avanzate dalla […]

Mediazione (obbligatoria) senza avvocato, quali sono le conseguenze processuali?

Nell’ambito di un procedimento relativo all’invalidità e nullità parziale di un contratto di conto corrente, l’attore conveniva direttamente in giudizio la Banca senza esperire il previo tentativo di mediazione, in tale ipotesi obbligatoria ex art. 5 comma 1 bis D.Lgs. 28/2010, vertendosi in materia bancaria. Il Giudice rilevava d’ufficio il difetto della condizione di procedibilità […]

Una famiglia che sopravvive alla fine di una coppia. Ed è ancora felice.

Caterina è giunta nel nostro studio con la volontà di farsi aiutare. Il marito Cosimo l’aveva lasciata. Lui accolse la volontà della moglie e acconsentì a intraprendere il percorso di mediazione familiare. Occupavano due delle tre poltroncine che, equamente vicine (o lontane) da me, dovevano enunciare la mia vicinanza a pari titolo ad entrambe le […]

Diniego di partecipazione alla mediazione, quando è possibile? Il “decalogo” del Tribunale di Vasto

Il diniego della parte ad intraprendere il procedimento di mediazione obbligatoria è legittimo soltanto qualora sia stato preceduto da un’adeguata attività informativa da parte del mediatore in occasione dell’incontro preliminare e sia accompagnato dall’indicazione di argomentazioni logiche tali da generare la ragionevole convinzione dell’impossibilità di superare le ragioni di contrasto fra i litiganti. Entrambe le […]

Liti condominiali, a Firenze istituzionalizzata la figura del mediatore con funzioni di “facilitatore del dialogo”

Addio liti di condominio. Uno sportello ci aiuterà. A Firenze è stata istituzionalizzata la figura del mediatore con funzioni di ‘facilitatore del dialogo’ per prevenire l’insorgenza di liti condominiali: questa figura è prevista nella convenzione firmata tra un organismo di conciliazione di Firenze che gestisce oltre 2200 mediazioni all’anno e varie associazioni di categoria. “Abbiamo […]

Mediazione obbligatoria, per declinare l’invito a tentare l’accordo una lettera non basta

Quando la mediazione è obbligatoria perché prevista dalla legge come condizione per procedere al successivo giudizio, le parti sono obbligate a partecipare personalmente, senza poter delegare il proprio avvocato e dovendo personalmente presenziare all’incontro. Non è quindi possibile essere assenti alla conciliazione, salvo sussista un giustificato motivo. Questo significa che non è neanche possibile inviare […]

Il mediatore può (e deve) aiutare il giudice a valutare la condotta delle parti in mediazione

Lo scorso 26 settembre il Tribunale di Pavia (Giudice estensore dott. Marzocchi) ha emesso una nuova importante ordinanza in materia di mediazione. Il Mediatore deve verbalizzare la non adesione delle parti. In particolare il Giudice, aderendo ad un ormai consolidato orientamento giurisprudenziale, ha confermato e sottolineato l’importanza di indicare nel verbale quale delle parti presenti […]

Il tempo della mediazione: a cosa serve davvero il termine dei tre mesi

Il procedimento davanti all’organismo di mediazione, in determinate materie imposto come condizione necessaria per poter poi procedere in tribunale, deve durare massimo 3 mesi. Ma la legge non specifica quali siano le conseguenze in caso di sforamento di tale tetto temporale. C’è però una sentenza del Tribunale di Roma che, occupandosi del tema, ha cercato […]

TRIBUNALE VASTO: ULTERIORE TASSELLO A FAVORE DELLA MEDIAZIONE

Attenzione a sottovalutare l’importanza del primo incontro in mediazione: esso – specie se si tratta di “mediazione delegata” (quella cioè su invito del giudice durante il corso del processo) – non deve esaurirsi in un adempimento formale, da compiersi solo per superare un ostacolo procedimentale. Se, dunque, le parti comparse innanzi all’organismo, per “togliersi il […]