“Il diritto dell’Unione non osta a una normativa che prevede, nelle controversie riguardanti i consumatori, il ricorso alla mediazione obbligatoria prima di qualsiasi domanda giudiziale. Poiché deve essere garantito l’accesso alla giustizia, il consumatore può però ritirarsi dalla mediazione in qualsiasi momento senza doversi giustificare”. Così recita la sentenza del 13 giugno 2017 della…

Read More »

La normativa italiana sulla mediazione preventiva obbligatoria per le controversie con l’assistenza necessaria di un legale difensore, che si applica anche al settore bancario, non è in linea con le norme Ue. Lo ha affermato l’avvocatura generale della Corte di giustizia europea in riferimento al caso relativo a un contratto di apertura di credito in conto…

Read More »

Nell’ambito di un procedimento relativo all’invalidità e nullità parziale di un contratto di conto corrente, l’attore conveniva direttamente in giudizio la Banca senza esperire il previo tentativo di mediazione, in tale ipotesi obbligatoria ex art. 5 comma 1 bis D.Lgs. 28/2010, vertendosi in materia bancaria. Il Giudice rilevava d’ufficio il difetto della condizione di procedibilità…

Read More »

Addio liti di condominio. Uno sportello ci aiuterà. A Firenze è stata istituzionalizzata la figura del mediatore con funzioni di ‘facilitatore del dialogo’ per prevenire l’insorgenza di liti condominiali: questa figura è prevista nella convenzione firmata tra un organismo di conciliazione di Firenze che gestisce oltre 2200 mediazioni all’anno e varie associazioni di categoria. “Abbiamo…

Read More »

Quando la mediazione è obbligatoria perché prevista dalla legge come condizione per procedere al successivo giudizio, le parti sono obbligate a partecipare personalmente, senza poter delegare il proprio avvocato e dovendo personalmente presenziare all’incontro. Non è quindi possibile essere assenti alla conciliazione, salvo sussista un giustificato motivo. Questo significa che non è neanche possibile inviare…

Read More »

Anche se la mediazione (non obbligatoria) si è conclusa con esito negativo, l’avvocato che ha assistito il cliente può ottenere la liquidazione dei propri compensi a spese dello Stato. A stabilirlo è un decreto del Tribunale di Ascoli Piceno del 12 settembre 2016, che ha accolto una domanda di liquidazione dell’onorario per un difensore (precedentemente…

Read More »

L‘inottemperanza, ingiustificata, della parte all’ordine del giudice ex art. 5 comma II° decr.lgsl.28/10, di partecipare alla mediazione, costituisce grave inadempienza, dalla quale può discendere l’applicazione della sanzione di cui al terzo comma dell’art.96 cpc. Per il Tribunale di Roma,  la mancata partecipazione, senza una valida giustificazione, al procedimento di mediazione (obbligatoria o demandata), costituisce  condotta di…

Read More »

La domanda e la data del primo incontro di mediazione devono essere comunicate dall’organismo all’altra parte con ogni mezzo idoneo ad assicurarne la ricezione. D’altro canto, in una mediazione demandata dal giudice, il mediatore deve individuare correttamente le parti del procedimento giudiziale, per verificare poi la corretta instaurazione della mediazione nei confronti di tutte le…

Read More »

La nascita dell’istituto della mediazione delle controversie in Italia deve essere ricondotta al 20 marzo 2010, data di entrata in vigore del decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28. Questa data segna una svolta culturale e giuridica di notevole rilevanza, ma che ancora oggi – a distanza di oltre quattro anni – si stenta ad…

Read More »

L’avvocato-mediatore di diritto: la riforma del 2013 L’art. 16 D.Lgs. 28/2010 (integrato dal D.L. 69/2013, come modificato dalla legge di conversione 98/2013), al comma 4-bis prevede che «Gli avvocati iscritti all’albo sono di diritto mediatori. Gli avvocati iscritti ad organismi di mediazione devono essere adeguatamente formati in materia di mediazione e mantenere la propria preparazione…

Read More »